Quanto pagare

La misura del canone è determinata dall'atto di concessione demaniale marittima.

I canoni annui relativi alle concessioni demaniali marittime sono aggiornati annualmente. Di seguito i canoni suddivisi per anni:

  • Per il 2016 in allegato la circolare N°73 e la circolare N°74 con la quale il Ministero Infrastrutture e Trasporti comunica alle Autorita' concedenti l'adeguamento Istat dei canoni demaniali marittimi per l'annualita' 2016 nella misura di – 1,60%.
  • Per il 2015 in allegato la circolare con la quale il Ministero Infrastrutture e Trasporti comunica alle Autorita' concedenti l'adeguamento Istat dei canoni demaniali marittimi per l'annualita' 2015 nella misura di – 0,90%. 
  • Per il 2014 gli importi unitari risultano essere così di seguito determinati:

tipologia concessoria

€/mq
cat.A cat.B
area scoperta 2,60445 1,30222
aree e specchi acquei occupati con impianti/opere di facile rimozione 4,34074 2,17038
aree e specchi acquei occupati con opere di difficile rimozione nonché dalle pertinenze demaniali marittime non destinate ad attività commerciali, terziario-direzionali e di produzione di beni e servizi 5,78299 3,71064
per ogni metro quadrato di mare territoriale per specchi acquei o delimitati da opere che riguardano i porti e comunque entro 100 metri dalla costa 1,00817
tra 101 e 300 metri dalla battigia 0,72812
oltre i 300 metri dalla battigia 0,57409
specchi acquei utilizzati per il posizionamento di campi boa per l'ancoraggio delle navi al di fuori degli specchi acquei delimitati da opere che riguardano i porti 0,29405

 

categoria A: aree, manufatti, pertinenze e specchi acquei, o parti di essi, concessi per utilizzazioni ad uso pubblico ad alta valenza turistica;

categoria B: aree, manufatti, pertinenze e specchi acquei, o parti di essi, concessi per utilizzazioni ad uso pubblico a normale valenza turistica.

La misura minima del canone è determinata, per l'anno 2014, in Euro 359,27.